Crea sito

A casa del Diavolo di Romano De Marco

A casa del Diavolo

di

Romano De Marco

A casa del Diavolo di Romano De Marco

Titolo: A casa del Diavolo

Autore: Romano De Marco

Editore: Timecrime.

Genere: Giallo

Prezzo ebook: /

Prezzo cartaceo: 8,41 €Amazon 

 

 

Sinossi:

Giulio Terenzi è un trentenne ambizioso e un impenitente seduttore: ma proprio quando ogni cosa sembra andare per il meglio, la sua promettente carriera di bancario viene stroncata dall’improvviso trasferimento a Castrognano, un borgo sperduto tra i monti dell’Abruzzo dove si ritrova a gestire, da solo, la piccola filiale della banca per cui lavora. L’impatto con il paese si presenta a dir poco scoraggiante. Il vecchio direttore della filiale, Rinaldi, muore in un misterioso incidente stradale subito dopo aver passato le consegne al giovane collega; esaminando i depositi e i conti correnti, Terenzi nota poi delle gravi anomalie che fanno pensare a una truffa architettata ai danni della baronessa De Santis, una ricchissima ottuagenaria che vive nel palazzo situato di fronte alla banca. Col passare del tempo, gli eventi misteriosi si moltiplicano: strani simboli appaiono all’ingresso di abitazioni i cui proprietari sono scomparsi nel nulla; un bambino inizia a seguirlo come un’ombra, mostrandogli disegni che rappresentano allucinate scene di morte; si vocifera di strani rituali celebrati nei boschi, cui Terenzi non può e non vuole dar credito…

 

recensione passionelibroblog

 

È un thriller tutto italiano. Un romanzo che mi fu consigliato su Facebook in Passionelibroblog il gruppo, e che ho trovato sul libraccio scontato del 60%.

Homer Simpson

Giulio Terezzi viene trasferito, suo malgradato, a Castrognano, un piccolo borgo sperduto tra i monti dell’Abruzzo. Incomincia così l’avventura del povero Giulio che si trova coinvolto in un imbroglio a discapito di una anziana ereditiera.
Lo stile è scorrevole e accattivante e questo è probabilmente l’unico punto di forza del libro poiché la trama non spicca per originalità e i personaggi sono abbozzati. Nel senso che viene giusto detto l’indispensabile per dare al lettore un idea di chi siano e del perché dei loro comportamenti e, vista la tanta cacca che c’è in giro, sia lodato Gesù per questo. Ma per quanto mi riguarda non è abbastanza per definire un libro, un bel libro.

Ci sono anche tante cose gestite male, come, ad esempio, la conclusione di cui evito di parlare per non fare spoiler, e anche (e questo lo posso dire senza problemi) gli attacchi di ira di Giulio. Pessimi!

Questò cliché che in un momento di collera il protagonista dica più del dovuto mettendosi nei guai è storia vecchia, e già questo sarebbe sufficiente a bocciarlo, ma nel libro i suoi attacchi di rabbia avvengono troppo in fretta, dando la sensazione che Giulio si alteri senza motivo alcuno. In più viene a mancare quel crescendo di tensione, che l’autore, chiaramente, non ha saputo creare. Il risultato è che il povero Giulio appare come un povero deficiente destinato a parlare a vanvera.

Mi piacciono i romanzi che mi spingono a una riflessioni purché essa si dimostrino interessanti e utili all’arricchimento della mia persona. Non è questo il caso, se fatico a capire il comportamento di tal personaggio, in questo caso di Giulio, è colpa dell’autore che non si è saputo spiegare, non certo mia.

Concludo dicendovi che il libro è carino, perfetto se siete alla ricerca di qualcosa di poco impegnativo con cui divagarvi.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.